Pienone del Banco del Mutuo Soccorso al Gran Teatro di Roma

Nonostante la Roma, la notte dei musei, la pioggia torrenziale, il Banco del Mutuo Soccorso fa il sold out del Gran Teatro della Capitale questo 6 dicembre. Due ore e mezza di musica, quella vera, in un’atmosfera intensa e trascinate. Tutti i fans del Banco si riuniscono per vivere le emozioni di sempre e per scoprire una nuova versione della band, che guarda avanti e che non molla. Un concerto indimenticabile, che rimarrà non solo nella storia del Banco ma in quella della musica italiana. Emozioni forti, vere. Un’idea che non puoi fermare.
Vittorio Nocenzi e il Banco Del Mutuo Soccorso si sono superati. Musica e parole si confondono, si mischiano in un vortice di poesia e di emozioni che ti travolgono l’anima. Vedere  suonare sullo stesso palco, insieme, Rodolfo Maltese, Solieri, Cesareo, Marcheggiani, Di Gia’ e Vittorio Nocenzi capita una sola volta nella vita.
Rodolfo Maltese, Alessandro Papotto, Tiziano Ricci, Cesareo, Maurizio Solieri, Filippo Marcheggiani
Il tutto accompagnato da due batterie, percussioni, e un quartetto di fiati. Ambrogio Sparagna con il suo organetto magico culla le parole magistralmente interpretate da Giuseppe Cederna e poi da  Jhon de Leo. Grazie ai video della Banco Factory compaiono sul palco anche Franco Battiato e Valerio Mastandrea. La voce di Franca Valeri sulle note del piano di Nocenzi è letteralmente commovente. Le voci di Toni Servillo e Moni Ovadia completano l’opera e ciliegina sulla torta: Angelo Branduardi canta “Canto di Primavera”… da brividi. Aver assistito ad uno spettacolo del genere e di così alto livello non ha prezzo. E’ un tesoro da custodire nella propria memoria. Noi c’eravamo. La voce di Francesco Di Giacomo non poteva essere sostituita, ma nemmeno messa a tacere per sempre. Una voce così grande deve continuare a segnare il tempo, attraverso la musica e la voce di chi lo ha amato e continuerà a farlo per sempre.
“Nella storia del rock ci sono tante rockstar, ma un solo Banco del Mutuo Soccorso” cit. Francesco Di Giacomo