La stanza delle piume viola

dal 5 al 7 aprile – Altrove Teatro Studio

Una strana camera di hotel. Una donna in fuga. Un uomo misterioso le apre la porta e si offre di ospitarla per la notte. È armato e sembra avere strani poteri paranormali. Lei non sa che lui la stava aspettando, che conosce tutto della sua vita e che quell’incontro cambierà per sempre gli equilibri della sua esistenza. Una favola nera dai marcati accenti pulp, che strizza l’occhio all’universo del fumetto e del thriller in stile rock. Ora resta la domanda: chi è questo sconosciuto che vuole aiutarla? E perché?

NOTE DI REGIA
Il testo è molto cinematografico, a forti tinte, così come lo è la caratterizzazione della ragazza problematica e incinta e quella del suo angelo custode che invece di avere le ali e l’aureola ha una pistola da giustiziere e poteri paranormali. Non ho potuto non assecondare lo stile della scrittura che sfrutta i temi cari agli eroi a fumetti nel linguaggio di Nemamiah, l’angelo sterminatore, e contiene i tratti pulp e surreali del thriller nella trama e nella raffigurazione quasi stereotipata di Eva, la ragazza in fuga. Ne è nato una specie di Noir nostrano, una favola nera e moderna piena di archetipi contemporanei: la ragazza provata dalla droga e dagli eccessi, l’uomo nero che la rincorre e l’eroe che la salva dai suoi incubi. Il testo prevedeva anche un’invasione di campo che di solito non amo: gli inserti video. Tuttavia la cifra stilistica del racconto li esigeva: così la scena diventa il luogo sospeso tra la dimensione del reale di Eva e quella ultraterrena di Nemamiah, con il video che fa da punto di contatto, da anello di congiunzione tra la realtà oscura e torbida della ragazza e il suo lato oscuro, tra l’umano e il divino. Il mezzo cinematografico si rende necessario anche quando a sorpresa l’angelo rivelerà una natura assolutamente umana in un finale insolito.
Ottavia Bianchi

La stanza delle piume viola

di Edoardo Bonini, Andrea De Rosa, Nicola Papagno
scenografia di Oliver Montesano
disegno luci Francesco Bàrbera
regia video Mattia Montesano
con Andrea De Rosa e Patrizia Ciabatta

Altrove Teatro Studio

Via Giorgio Scalia, 53
Venerdì 5 Sabato 6 Aprile ore 20.00
Domenica 7 Aprile ore 17.00

Ufficio stampa Daniela Chessa Communication
347.768350 – chessa.stampa@gmail.com

ALTROVE Teatro Studio
Via Giorgio Scalia, 53 – Metro Cipro
Responsabile Comunicazione – Fulvio Moser
ipensieridellaltrove@gmail.com – 339 8175904