Aspettando Godot allo Spazio Diamante

Un Cast stellare per “Aspettando Godot” allo Spazio Diamante

Lo Spazio Diamante ci regala la possibilità di assistere ad un grande classico del Teatro dell’Assurdo, originariamente scritto da Samuel Beckett e qui egregiamente rimaneggiato, in parte,  da Filippo Gili.

Se non avete mai “partecipato” ad uno spettacolo del Teatro dell’Assurdo, ma anche nel caso lo abbiate già fatto, questa è l’occasione per farlo di nuovo o per farlo per la prima volta. E la parola “partecipato” non è stata scelta a caso, perchè qui non si tratta di sedersi in mezzo ad una platea ad osservare un palco dal basso, qui vi ritroverete in una situazione completamente diversa, dentro una stanza enorme, seduti intorno ad un palco non sopraelevato, immersi nella scena e facendo parte integrante di essa, con gli attori che si esibiscono recitando a pochi metri da voi, e con una visione a 360 gradi dell’ambientazione che vi regalerà un’emozione unica ed indimenticabile.

In “Aspettando Godot” viene messo in scena il dialogo vivace e surreale tra I protagonisti, in una estenuante ricerca del domani, cercando di riempire il più possibile l’oggi, nell’interminabile attesa di un evento che sembra non arrivare mai.

Oltre ad ammirare le doti artistiche del cast, avrete modo di riflettere seriamente su quanto ci sfugga il nostro ora e adesso, perchè sempre con la testa proiettati in avanti senza goderci come dovremmo I momenti che viviamo ogni giorno, facendoli diventare così parte del nostro passato.

E’ un dovere assistere a spettacoli di questo tipo, e a maggior ragione non si possono perdere quando il cast è costituito da attori del calibro di: Giorgio Colangeli, Francesco Montanari, Riccardo De Filippis e Giancarlo Nicoletti, che con la loro bravura riescono a fare apprezzare ancor di più lo spessore e la profondità dell’opera.

Ringraziamo lo Spazio Diamante per averci dato questa occasione. Non rimarrete delusi!

Micol & Daniele

#francescomontanari #aspettandogodot #waitingforgodot #samuelbeckett #teatrodellassurdo